top of page

Newsletter

Bonus Transizione 5.0

L'art. 38 del DL 2.3.2024 n. 19 convertito (c.d. DL "PNRR") disciplina un nuovo credito d'imposta per gli investimenti effettuati nel 2024 e 2025 relativi al piano transizione 5.0, nell'ambito di progetti di innovazione che conseguono una riduzione dei consumi energetici.

Con un Decreto Ministeriale di prossima emanazione saranno definite le disposizioni attuative dell'agevolazione.


Soggetti beneficiari

Possono beneficiare dell'agevolazione le imprese residenti nel territorio dello Stato, a prescindere dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, nonché dal regime di determinazione del reddito dell'impresa.


Investimenti agevolabili

Sono agevolabili gli investimenti effettuati:

  • nel 2024 e 2025;

  • in strutture produttive ubicate in Italia;

  • in beni materiali e immateriali nuovi, strumentali all'esercizio d'impresa, di cui agli Allegati A e B alla L. 232/2016 (c.d. beni materiali e immateriali "4.0"), interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura;

  • nell'ambito di progetti di innovazione che conseguono una riduzione dei consumi energetici.


Ai fini del bonus in esame, oltre a quelli già elencati nell’Allegato A e B, rientrano tra i beni agevolabili anche:

  • i software, i sistemi, le piattaforme o le applicazioni per l'intelligenza degli impianti che garantiscono il monitoraggio continuo e la visualizzazione dei consumi energetici e dell'energia autoprodotta e autoconsumata, o introducono meccanismi di efficienza energetica, attraverso la raccolta e l'elaborazione dei dati anche provenienti dalla sensoristica IoT di campo (Energy Dashboarding);

  • i software relativi alla gestione di impresa se acquistati unitariamente ai software, ai sistemi o alle piattaforme di cui al punto precedente.


Nell’ambito dei progetti di innovazione che conseguono una riduzione dei consumi energetici, sono inoltre agevolabili i beni finalizzati all’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili destinata all’autoconsumo.

  • Relativamente agli impianti fotovoltaici (fonte solare), l’incentivo è limitato ai soli impianti basati su pannelli prodotti negli Stati UE con efficienza pari ad almeno il 21,5%.

È prevista una maggiorazione della base di calcolo per gli impianti che includono i pannelli a maggiore efficienza previsti alle lettere b) e c) dell’art. 12, c. 1 del D.L. n.181/2023, ovvero:

  • 120% per i moduli fotovoltaici con celle, prodotti in UE, con un’efficienza a livello di cella almeno pari al 23,5%;

  • 140% per i moduli composti da celle bifacciali ad eterogiunzione di silicio o tandem prodotte nell’UE con un’efficienza di cella almeno pari al 24,0%.


Riduzione dei consumi energetici

I suddetti investimenti sono oggetto dell'agevolazione in esame a condizione che, tramite gli stessi, si consegua complessivamente:

  • una riduzione dei consumi energetici della struttura produttiva localizzata nel territorio nazionale, cui si riferisce il progetto di innovazione non inferiore al 3%;

  • in alternativa, una riduzione dei consumi energetici dei processi interessati dall'investimento non inferiore al 5%.


Modalità di fruizione del credito d’imposta

L’incentivo riconosciuto è nella forma di un credito d’imposta proporzionale alla spesa sostenuta per gli investimenti effettuati.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, ai sensi dell’art. 17 del DL 9 luglio 1997, entro il 31 dicembre 2025, presentando modello F24 tramite unicamente i servizi telematici offerti dall’AdE.

L’ammontare non ancora utilizzato alla data  del 31/12/25 è riportato in avanti e utilizzabile in 5 quote annuali di pari importo.


Aliquote del credito d’imposta

La misura del credito d'imposta varia a seconda del livello di riduzione dei consumi energetici conseguita mediante gli investimenti agevolabili. Di seguito una tabella riepilogativa delle aliquote previste:


***

Qualora interessati alle modalità di ottenimento e alle tempistiche per l’utilizzo del credito Transazione 5.0, Catena & Associati rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento.

 

11 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page