Ristrutturazione del debito e la nuova figura dell'esperto in salvataggi. Un'opportunità di risanamento senza ricorso alla procedura fallimentare

Il decreto-legge 118 denominato “Composizione negoziata della crisi” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 24 agosto ha introdotto una nuova figura nell’ambito della crisi d’impresa: si tratta infatti di un esperto in ristrutturazioni aziendali che andrà ad affiancare l’imprenditore durante il dialogo con tutte le parti coinvolte nel risanamento.

Chiaramente, la figura dell’esperto è del tutto indipendente dall’imprenditore in crisi, al fine di garantire la più totale trasparenza durante il processo di risanamento.

Una distinzione particolare va fatta riguardo ai requisiti: all’elenco dei professionisti depositati nelle Camere di Commercio dei relativi capoluoghi di regione, compresi Trento e Bolzano, potranno accedere commercialisti ed esperti contabili iscritti da almeno 5 anni all’Albo, avvocati e consulenti del lavoro. Per queste ultime due professioni, oltre che l’anzianità, è richiesto il possesso di ulteriori requisiti.

Nel richiamato Decreto 118, è previsto il differimento dell’entrata in vigore del Codice della Crisi d’impresa. Tale differimento non vale per la composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa (cosiddetta “ristrutturazione del debito”). Infatti, a causa dell’esaurirsi dei fondi governativi che hanno tenuto in piedi aziende in difficoltà durante la pandemia e con il termine della sospensione delle attività di riscossione da parte del Fisco, la ristrutturazione può essere un utile strumento da esperirsi al di fuori delle procedure previste sotto il controllo del Tribunale Fallimentare.

 

Questa procedura è stata innovata per renderla più efficace e di più semplice applicazione. Ciò porterà ad un presumibile incremento delle richieste di assistenza legale per evitare fallimenti. In questo senso molti studi, tra cui il nostro, stanno mettendo in piedi veri e propri team multidisciplinari formati da avvocati ed esperti di vari settori.